Il gorilla che piace all'on. Amoruso di AN
Uno sconto fiscale per chi ha la guardia del corpo
20/08/1998 3.20.00
Anche i ricchi piangono e chiedono aiuto allo Stato. Occorre capire i loro disagi: devono difendere il patrimonio; pagare fior di commercialisti per evitare che il patrimonio possa depauperarsi a causa delle tasse; riempire di sofisticati sistemi di allarme case, ville, auto; versare onerosi salari a colf e manicure e, dulcis in fundo, dotarsi di possenti, ma costose guardie del corpo (anzi bodyguard, che fa più fino) per difendersi da possibili attentati o da invasori della privacy ("ma chi sei, se la guardia del corpo non ce l'hai?"). Non parliamo poi dello stress che tutta questa ricchezza provoca: "lo stress causato dalla paura della criminalità si ripercuote negativamente sul lavoro, la famiglia, la vita di relazione". Perciò chi ricorre alla bodyguard deve essere aiutato dal fisco. Lo sostengono alcuni deputati di Alleanza nazionale con una proposta di legge (primo firmatario l'on. Francesco Amoruso del collegio Molfetta-Bisceglie, nella foto ): chi si sente "insicuro" potrà detrarre del 20% le spese per il "gorilla". Insomma, la vera realtà sociale da tutelare è quella dei ricchi. C'è già tanta gente che pensa ai poveri: dalla Caritas al volontariato. Chi si preoccupa, invece, dei ricchi? Lo Stato sociale deve pensare anche a loro. Nell'Era Berlusconi.
Felice de Sanctis - La Gazzetta del Mezzogiorno
Copyright© 2006 Felicedesanctis.it .Tutti i diritti riservati. Powered By Pc Planet